domenica 9 aprile 2017

Questa è la storia di come un mondo migliore è possibile

Buongiorno Carissimi,
sono finalmente giunta in Australia, ho bisogno di assestarmi un po', trovare un lavoro ed una casa, e poi ripartirò con le ricette. Fortunatamente mi ospita una mia amica, mi assiste in tutto, senza di lei sarebbe molto più difficile. Guardo alla mia vita e mi rendo conto di quanto sia fortunata, ho costruito le mie possibilità, ho lavorato tanto, a volte troppo, ma ho sempre fatto quello che desideravo, non ho mai piegato il mio volere alle decisioni di qualcun altro.
Poi mi guardo intorno e vedo quello che succede, vedo gli attacchi in Syria, vedo i bimbi, vedo la Svezia e ancora più vicino vedo tutti quei ragazzi e ragazze che ho incontrato nel mio viaggio, che non sono fortunati come me. E allora vorrei condividere con voi una storia, che parla della bellezza dell'essere umano, della generosità e dell'altruismo, parla della bontà indiscriminata delle persone, e spero mi perdoniate questo post che non ha cibo, ma solo amore.


Dal mio diario di bordo: 
4th march 5.35am

Today is the day that I get to meet three Malaysian girls that offered me a lift to Georgetown. Her name is Arina. Her mum drives


Alle 11 di sera ho preso il bus da KL fino a Penang, circa 5 ore di viaggio, destinazione finale Georgetown. Il bus notturno termina la sua corsa alle ore 4.45 del mattino alla stazione di Sungai Nibong, che è a 20 minuti da Georgetown, una sciocchezza se non fosse per l'ora. Vago per la stazione in cerca di un Wi-Fi decente, taxi driver ripetono all'infinito 'tassi, tassi.' nonostante abbia chiarito loro che no non voglio un taxi che mi costa più del biglietto che ho pagato per l'intero viaggio.
Dopo vari su e giù per le scale della stazione, vedo, appoggiate ad una colonna, tre ragazze, vestite "all'occidentale", jeans e maglietta, viso gentile e i capelli coperti dal velo, allora mi avvicino e chiedo loro come poter arrivare a Georgetown, purtroppo non ne hanno idea, forse c'è un bus, forse alle 8, così chiedo di poter usare il telefono di una di loro per accedere ad un qualsiasi tipo di informazione. 
Non riesco a trovare nulla, al che Arina, una delle ragazze, si offre di cercare per me, mi chiede il posto in cui alloggio, e dopo qualche secondo mi dice: 'ti ci posso accompagnare io, mia mamma è qui fuori che aspetta' 
Sono incerta, ma non sono spaventata, non vorrei disturbare il loro rientro a casa, ma lei con sicurezza mi dice che non c'è problema.
Ci avviamo alla macchina, la mamma guida, anche lei ha l'aria molto gentile, mi presento e la ringrazio. Dopo 20 minuti sono fuori l'ostello, loro aspettano sinché il portiere mi fa entrare. Le ringrazio, le saluto e auguro loro a great life.



lunedì 20 marzo 2017

Balinese Cooking Class | In Cucina con Meg on the road

Carissimi!!!
ben ritrovati, non è venerdì ed io non sono più a Londra, ma nemmeno in Tailandia o Malesia, bensì Indonesia.
Non me ne vogliano gli amanti di questo stato fatto di Isole, ma a me l'Indonesia non ha fatto particolarmente impazzire, sarà che la Malesia ha avuto un impatto così forte e magico nel mio cuore che forse qualsiasi altro stato io avessi visitato dopo avrebbe dovuto comunque subire il paragone con la terra delle Tigri.
Sarà che qui in Indonesia, in ogni città io sia stata (Jakarta, Yogyakarta, e l'isola di Bali) ad ogni angolo della strada c'è un tassista che ti chiede se hai bisogno del taxi (vi assicuro che non è piacevole), sarà che qui hanno la visione del turista ricco, e quindi la condizione del backpaker in cerca sempre del prezzo più cheap del cheap, hanno difficoltà ad accettarla, (una volta un tassista non mi ha voluto dare il resto giusto perché non aveva il cambio...) forse sono io che sono ancora troppo occidentale, ma ci sono cose che non mi hanno fatto amare questo posto. Vero è che è ho incontrato molti locali simpatici, disponibili e pronti per aiutarti.
Nonostante le premesse ho comunque trovato delle cose che mi hanno lasciato un ricordo nel cuore, come quando ho scalato, di notte, il Vulcano attivo Batur (2000m c.a.) solo per vedere l'alba
- trasporto fino al vulcano, guida e breakfast 300Rp (20 Euro ca.) ; o come la fantastica lezione di cucina che Madhi ha fatto per noi, autentica cucina balinese, e vi dirò mi è piaciuta molto
-giro al mercato, visita alle risaie e lezione di cucina 250Rp -
Ho sicuramente un pezzo di bagaglio culinario in più e non vedevo l'ora di poterlo condividere con voi (wifi permettendo!!!)
C'è sicuramente da dire che la cucina Balinese è molto smart, nel senso che hanno due o tre preparazioni di base e da quelle parto per sviluppare una quantità infinta di piatti, ed ognuno di essi ha un sapore completo e buonissimo. Su YouTube potrete vedere il video mentre qui vi lascio alcune delle ricette, non tutti gli ingredienti sono facili da rintracciare in Italia, ma con un po' di inventiva si fra tutto.

Basa Gede - Basic Sauce
che è la salsa base che loro usano per tutte le preparazioni
1 peperoncino
30gr zenzero
30gr zenzero aromatico
45gr curcuma radice
30gr galangal (che è una pianta)
1 scalogno
3 spicchi d'aglio
4 noci Kendle (sostituibili con macadamia)
1/2 cucchiaino semi di coriandolo
1/2 cucchiaino pepe bianco
1/2 cucchiaino pepe nero
1 stelo di lemon grass
1 foglia di alloro

Preparazione
tritate tutti gli ingredienti molto finemente (lasciando da parte l'alloro) mescolate fino a creare una sorta di pesto (volendo potreste mettere tutto nel robottino) aggiungete l'alloro e la vostra base è pronta!

Pancake verdi con zucchero di palma e cocco
per prepararli così verdi vi occorrerà procurarvi delle foglie di Pandan (srewpine) - potreste sostituirli con del succo d'arancia
8 cucchiai di farina di riso
1 cucchiaino di zucchero
1 uovo
250ml succo di pandan (che si ricava bollendo una o due foglie di pandan in acqua)
un pizzico di sale
per condire e guarnire
5 cucchiai di cocco essiccato
2 cucchiai di sciroppo di zucchero di palma

Preparazione
Mescolate tutti gli ingredienti insieme, per creare la pastella per i pancake, lasciando da parte il cocco e lo sciroppo di zucchero di palma. Riscaldate una padella con un po' di burro o olio di cocco e cucinate i vostri pancake (con questa ricetta ne verranno circa 8-10)
guarniteli con il cocco essiccato e lo sciroppo di palma! cosi buoni che più buoni...


venerdì 3 marzo 2017

La Malesia vi ruberà il cuore.

Tadaa... in attesa del nuovo video, eccomi con un esilarante post, è che ho proprio l'urgenza di dirvi quanto sia meravigliosa la Malesia.
Sin dal mio arrivo a Langkawi
-traghetto di un'oretta circa, da Koh Lipe a Langkawi 850 Baht - 23€ ca. - se acquistato a Lipe Camping Zone, in tutti gli altri posti in cui ho chiesto mi davano standard 1000 Baht 27€ca.-


L'altra volta ci eravamo lasciati che vi avevo già aggiornato del mio cambio di programma e della discesa in Malesia, tra l'altro ho dimenticato di accennare che in Langkawi ho fatto la mia prima esperienza con la zip-line. In Langkawi ci sono due strutture che se ne occupano, entrambe hanno montato i cavi tra la giungla, quindi che ve lo dico a fare... è meraviglioso!
La Skytrex offre un ottimo servizio, noi abbiamo tirato un po' col prezzo e ci hanno fatto un po' di sconto, quindi consiglio anche a voi, nel caso vi trovate nei dintorni. (zip line extreme adventure, circa 22m dal suolo, con guanti, acqua, e Agnes ha dovuto anche affittare le scarpe, ma questa è un altra storia, ad ogni modo, prezzo totale RM70 15€ ca.) bisogna arrivare lì con un po' di anticipo, almeno 40 minuti, ultimo gruppo è alle 3 di pomeriggio, per il resto godetevi l'emozione di attraversare la giungla, proprio come delle scimmiette!
Arrivate a KL (come dicevo è così che chiamano Kuala Lumpur) abbiamo fatto e visto tuto quello che potevamo fare e vedere, ovviamente le Petronas Tower, viste da fuori però perché ovviamente salirci costa intorno ai RM160 (34€ ca.) e se andate verso le 8 di sera potrete ammirare le fontane che danzano a suon di musica, meravigliose. Poi la mattina alle Batu Caves e la cosa più bella è prendere la sopraelevata col treno, per loro sistema di trasporto pubblico e con RM2,30 (0,50cent ca.) ti vedi tutta la città dall'alto.
Poi, come da brave backpackers siamo andate a cena Chinatown, dove non solo troverete un mercato vastissimo di vestiti, accessori, make-up e cibo, ma anche il famosissimo Raggae Bar, dove per noi viaggiatori ci sono sconti speciali, anche se meglio non prendere la birra, sono tutte di esportazione e costano RM20 (4,20€ ca.) quando in genere te la cavi con RM6-8 (1,50cent ca.).


Un po' di nicchia e difficile da trovare è il PS150 cafè (bè si dovete sapere che qui i locali li chiamano café, un po' come in inghilterra dove per Bar loro intendono locale, mentre in Italia ci si prende il caffè... insomma un gran giro fanno queste parole, e alla fine ogni paese, ogni cultura dà loro la propria accezione e significato.)
Comunque torniamo al PS150, un concept bar, detta all'inglese, i cocktail cambiano ogni settimana e sono ispirati a diverse ere e a diverse parti del mondo. Dovreste andare lì solo per vedere il loro menù, bellissimo e molto ricercato, ricorda un quaderno scolastico di svariati anni fa, l'ho trovato meraviglioso, me ne sarei portata uno via, ma ovviamente mi hanno detto di no! Meglio così considerando che nel mio zaino non entra quasi più nulla. Il posto è un po' difficile da trovare, dovete arrivare alla fine di Jalang Petaling (Chinatown), una volta lì penserete di essere nel posto sbagliato, la strada è deserta e ci sono giusto un paio di ristoranti aperti. Ma c'è sempre qualcuno fuori. Lì ho gustato un Naga Sour, ve l'ho mai detto che i Sour sono i miei preferiti? questo in maniera particolare, risale al periodo prima del proibizionismo, nel mix troverete chilli, lime, rum e tequila, mi ricordava molto il Johnny Cash che prendevo sempre al Be@one a Londra, ora non lo fanno più, ma era il mio cocktail, bevevo solo quello.

Mi piacerebbe potervi dire che i cocktail sono economici, ma non è così, per un cocktail pagherete circa RM34,30 (7,8€ ca.) che ripeto, sembra poco, ma quando vuoi viaggiare tanto è importante immedesimare il proprio portafogli con la moneta locale, quindi considerato che per la stanza dove dormo pago RM35, sì questo posto può essere definito costoso.
All'interno il posto vi stregherà per la sua bellezza e la cura nel decoro, molto legno, cemento, mattoni, come è tipico qui. Un divano che ha uno schienale altissimo, molto comodo, sembra il posto perfetto per un appuntamento, ma è molto di più, una perla nel cuore di una città che se saprete viverla nel modo giusto, vi resterà nel cuore. Oggi è il mio ultimo giorno in KL, e vorrei non dover andar via, ma so che è importante continuare a muoversi, e trovare nuove cose, perché è esattamente così che sono giunta in Malesia, muovendomi e viaggiando, girando ed ascoltando il mio cuore, senza fermarmi, ma solo andando dove sentivo la vibrazione, sembra strano da dire, ma è proprio così, le città chiamano il mio nome e io non posso che andare, seguire l'istinto. Ed è quello che mi auguro per tutti voi.
Ci sentiamo al prossimo episodio, il prossimo momento di questo viaggio meraviglioso!










lunedì 27 febbraio 2017

In Giro con Meg - Tailandia - Bangkok - le isole e la Malesia

Oggi navigavo per il blog, e mi sono accorta che il mio ultimo post risale al 23 dicembre, la cosa è piuttosto sconcertante, lo so che sono in giro per il mondo, ma è giusto che voi viviate con me la mia esperienza. (qui trovate il video con un po' di immagini e si chiacchiera un po' di Tailandia!)
banana Tree in Koh Tao
Direi come prima cosa che questo è il più bel viaggio che io abbia mai fatto.
Non è solo il viaggio in sé, ma l'atmosfera di ogni giorno.
Ogni giorno incontro persone nuove, ogni giorno scopro luoghi inaspettati, ogni giorno succede qualcosa che mi farà ricordare di quel giorno per tutta la vita.
E' difficile da spiegare, quello che posso dirvi è di prendere coraggio ed affrontare un viaggio lungo, zaino in spalla e via. Per la strada incontrerete chi come voi viaggia low cost, ed insieme sarete pronti a prendere quel treno notturno che è inaspettatamente comodo e che avete pagato pochi euro.

-Treno Bangkok - Chumpon , bus fino al porto e traghetto Chumpon - Koh Tao 1000 Baht (27 Euro ca.)

View Koh Phi Phi
E' tempo di fare un po' il punto della situazione, in questi mesi ho cucinato una sola volta, ero in Koh Lanta, un'isola nel sud ovest della Tailandia, dormivamo in un bungalow su una delle ultime spiagge, Khlong Khong Beach, il posto si chiama 6ixcret Bar, lì si dorme con pochissimo, ogni Bungalow è per circa 300 Baht (8 Euro ca.) meglio se condiviso con un'amica o il fidanzato, ma in ogni caso molto economico. La gente del posto vi farà sentire a casa, vi daranno consigli e vi faranno passare indimenticabili serate, con musica e soprattutto il suono del mare.
Per loro abbiamo cucinato spaghetti al pomodoro, un classico italiano, li abbiamo cucinati in un wok, non chiedetemi come ma sono venuti ok, ho cucinato meglio, ma tutti hanno apprezzato molto. 

il giorno in cui
abbiamo cucinato in Koh Lanta
Se invece volete rilassarvi in spiaggia, lasciate che sia Tutkta a cucinare per voi, magari un po' costoso, ma molto molto buono.

Dopo Koh Lanta mi sono separata dai compagni di viaggio con cui ero arrivata a Bangkok, ho preso un mini van (3 orette ca.) ed un traghetto (2 ore ca.) per la comoda cifra di 1000 Baht (27 Euro ca.) sono giunta a Koh Lipe, dove mi hanno chiesto 250 Baht (poco meno di 7 Euro) per entrare sull'isola. Anche Koh Phi Phi (20 Baht - 0,50cent) e Koh Lanta (10 Baht - 0,30 cent) hanno una tassa di entrata. E' una tassa turistica, esattamente come in Italia, Spagna o Francia, sono delle piccole tasse che in genere aiutano la provincia ed il governo a gestire i turisti ed i rifiuti che produciamo.

Ci sono così tante cose di cui vorrei parlare, ma non vorrei rischiare di confonder tutto, quindi cercherò piano piano di raccontarvi e darvi dettagli.

Il giorno in cui con Agnes,
Rachel, Shane e Robin
siamo andati a fare
 il giro delle isole
(Islands Hopping 35RG -
7,50 Euro ca.)
 in Langkawi.
Troppo turistico
per noi, abbiamo quindi
trovato una via alternativa!
Islands Hopping - NON CONSIGLIATO!
Per ora sono in Malesia, Kuala Lumpur (nessuno la chiama Kuala Lumpur, soprattutto i locali, si dice solo KL - keiel) non era parte dei piani iniziali, ma la vita è così, sai dove parti ma non sai dove finirai. Alloggio al PODsBackpakers, vicinissimo alla stazione centrale (Nu Sentral), si paga solo 35RG - 7,50 Euro ca. a notte, le docce sono meravigliose, le stanze sono stanzoni con letti a castello (stanza singola costa 65RG - 14Euro ca. per notte) la colazione è inclusa, toast con marmellata e un caffè, giusto per cominciare la giornata. In viaggio con me c'è Agnes, conosciuta a Langkawi, siamo diventate amiche. Gireremo KL insieme, poi lei andrà nel nord della Tailandia, a Chiang Mai, io invece scenderò giù in Indonesia, anche questo non era parte del piano, ma viaggiare è così, e così che deve essere vissuto.

Enjoy the journey.





venerdì 23 dicembre 2016

Sformato di verdure, è vegano ma non lo sa nessuno | Le Ricette di #Natale

Buon venerdì Carissimi,
domani è la vigilia, ed il regalo più grande me lo avete già fatto voi, per essere la community più bella che si possa desiderare, siete persone fantastiche ed io sono molto molto fortunata!
Oggi la ricetta è ancora più speciale, perché la dedico a mia sorella, che da vegana mi ha chiesto un piatto da poter prepare per la vigilia a casa dei suoceri, ma doveva essere qualcosa di speciale, festivo  così buono da andare oltre i limiti dell'etichetta, e così sorellina mia questo è per te! Ti voglio bene!

Ingredienti
1 zucca, circa 650gr
2 melanzane medie
1 porro
timo
150gr pomodorini secchi sott'olio
basilico
60gr farina di ceci
60gr olio di semi di girasole
600ml latte vegetale
semi di girasole
semi di zucca
sale
pepe

Preparazione
nel video vedrete come sia uno sformato semplicissimo, quasi fosse una parmigiana di melanzane, si cuoce tutto a parte, e poi si mette tutto insieme. Sono molti i lati positivi di questo piatto, oltre ad avere un alta percentuale di verdure, non ha glutine e pochissimi grassi, ottimo per tenersi in forma anche durante le vacanze più temute dalla bilancia.
Lasciatevi anche voi tentare dalla golosità della verdure!

venerdì 9 dicembre 2016

Il Villaggio di Natale con il Pan di Zenzero | Le Ricette di #Natale

Buona sera carissimi!

oggi il video l'ho girato, montato e pubblicato proprio questo venerdì, come al solito zero tempo, poi c'è il Natale di mezzo, il che vuol dire che il tempo a mia disposizione è pari a zero.
Ma questo non mi impedirà di costruire per voi un magico villaggio di natale, fatto di zucchero e spezie, che è bello da vedere e buono da mangiare.

Avevo già realizzato una Casetta di Pan di Zenzero, ma oggi per voi ho voluto fare le cose in grande

Ingredienti
820gr Farina
200gr Zucchero di Canna - io ho scelto la qualità Moscovado
230gr Burro - a temperatura ambiente
320gr Zucchero Invertito - trovate la ricetta qui
4 Cucchiaini Zenzero
2 Cucchiaini Cannella
1 Cucchiaino Noce Moscata
1 Cucchiaino Chiodi di Garofano
1 Cucchiaino Sale
1 Cucchiaino Bicarbonato
per la glassa
250gr zucchero a velo
acqua q.b
e per decorare tutto quello che volete!

Preparazione
la ricetta è semplicissima, la realizzazione dei biscotti è molto veloce, il che rende tutto più facile nel periodo più bello e più frenetico dell'anno!







venerdì 25 novembre 2016

Torta all'acqua, con caffè e cioccolata | Le Ricette di #Natale

Buon Venerdì miei Cari,
oggi sono un po' in ritardo con la mia tabella di marcia, lo so non è una novità considerando il mio passato. Ma l'importante è non arrendersi mai, e provare anche senza la certezza di riuscire, d'altronde  quel formicolio alle gambe che arriva con il sentore di una nuova sfida è sempre molto elettrizzante e mi fa sempre pensare che non ci sia situazione che non sia degna di essere vissuta o provata, come buttarsi con il paracadute, o fare immersioni, o anche più semplicemente riuscire ad arrivare in tempo per la pubblicazione del video del venerdì!
Oggi voglio stupirvi con una torta di tutto rispetto, anche se non ha nessun ingrediente che possiamo annoverare tra quelli tradizionali. Infatti in questa ricetta non ha uova, non ha farina (per lo meno non quella tradizionalmente usata) non ha latticini, ma c'è qualcosa in questo mix perfetto che permette la trasformazione di semplici ingredienti in una torta fantastica. Procuratevi gli ingredienti, guardate il video e sorprendete i vostri cari con una torta dall'aspetto sorprendente e dal gusto che è semplicemente Buono. Nessuno crederà che avrete preparato questa bontà in pochi minuti.

Ingredienti
100gr farina di riso
80gr farina di ceci
60gr farina di cocco
60gr farina di mais
200gr zucchero di canna
90gr olio di semi di girasole
20gr estratto al caffè (o un caffè ristretto)
1/2 bustina di lievito
1 cucchiaino di bicarbonato
200gr latte di cocco (latte vegetale)
100gr yogurt di cocco (yogurt vegetale)
2 cucchiaini caffè istantaneo
1 cucchiaino aceto
per la glassa
50gr cacao amaro
25gr zucchero a velo
15gr estratto al caffè (o mezzo caffè ristretto)
acqua q.b. per ottenere una glassa - nel video è spiegato passo passo

Preparazione
Semplicemente unica, una torta all'acqua, semplice, con pochi ingredienti che vi lascerà a bocca aperta, o forse sarebbe il caso di dire che vi lascerà a bocca piena, perché è così buona che non potrete smettere di mangiarne, ed è per questo che quella preparata da me è finita dritta dritta a casa dei miei vicini. E' importante stringere rapporti di buon vicinato!